Tanka - Lumache:

Lumache:

bacchette che non si armonizzano 

alle foglie di quercia!

 

Shii no ha ni

sorowanu hashi ya

katatsuburi

 

-Yosa Buson


Neon Giappone

Quando viene sera e le luci delle case si spengono nelle metropoli del Giappone, qualcosa rimane a farci compagnia: un mare di cartelli luminosi, luci LED, insegne accavallate e disordinate, luminescenti, pannelli 3D dalla tecnologia avanzata, scritte al Neon.

Che si stia passeggiando per Akihabara o Shinjuku a Tokyo, o per i quartieri di Dōtonbori o Tennoji di Osaka, colori brillanti emergono dal buio delle strade e creano un’atmosfera proiettata nel futuro.

Da tempo sul web possiamo sperimentare tutti questi scenari pur non essendo fisicamente in Giappone: questo tipo di fotografia è diventata una vera e propria moda, che concentra la sua attenzione sulla spettacolarità di questi paesaggi metropolitani notturni.

I colori vengono accentuati, in contrasto all’oscurità dei dintorni, l’atmosfera diviene sospesa, come se ci trovassimo nel fermo immagine di una realtà alternativa. La vivacità di questi ambienti, inoltre, fa pensare al fatto che – sebbene a volte le strade appaiano vuote – la città sia sempre sveglia e viva, in movimento, in evoluzione.

L’insegna di un izakaya, i billaboard sui grattacieli, le macchinette automatiche agli angoli delle strade, alcune lanterne di santuari: c’è un Giappone che dalla tradizione al futuro vive la notte. Ci fa scoprire alcuni suoi angoli nascosti, che non brillano tanto alla luce del giorno tanto quando cala la sera.

 

Vediamo allora due fotografi che si sono specializzati in questo tipo di scatti:

 

 

Kitsunetsuki.jp

 

Dai rossi torii giapponesi alle insegne cittadine, il fotografo ritrae i suoi soggetti attraverso colori di forte impatto. Luci al neon sgargianti.

 

https://www.instagram.com/p/CTFOlJiJHsb/?utm_medium=copy_link

La tradizione non sfugge a queste dinamiche. Una donna vestita da kitsune attraversa torii rossi nella notte.

 

https://www.instagram.com/p/CS1pj4MpvUQ/?utm_medium=copy_link

Le stesse insegne sono ciò che colora gli ambienti. Tutto è colpito da queste luci e i colori ne vengono alterati, come a ridisegnare una realtà diversa.

 

https://www.instagram.com/p/CRtzlybq0Kl/?utm_medium=copy_link

https://www.instagram.com/p/CRB1MxfMHDB/?utm_medium=copy_link

A colmare le strade vuote, rimangono le insegne che – accavallate le une sulle altre – rendono la città sempre viva, sveglia. Un mistero aleggia per le vie: quello di essere e non essere soli.

 

https://www.instagram.com/p/CO5kbrkgfzI/?utm_medium=copy_link

Infine, i colori più sgargianti sono ritratti come nuova luce nel buio. Nuovo mondo: quello che accade quando cala il sole.

 

 

Tokyoluv

 

Il fotografo si concentra sulle luci soffuse, neon che crea un’atmosfera omogenea di calma, conforto. Si concentra su scenari di normalità, vita quotidiana, con colori che suggeriscono sfumature e aspetti tutti nuovi di essa.

https://www.instagram.com/p/CTP-EQqph9D/?utm_medium=copy_link

https://www.instagram.com/p/CSEs8Arg913/?utm_medium=copy_link

 

 

https://www.instagram.com/p/CJ90VFHADq2/?utm_medium=copy_link

La luce che fuoriesce da un piccolo locale di una qualunque notte a Tokyo, illumina uno spaccato di vita che non è nient’altro che bellezza di quel quotidiano.

 

https://www.instagram.com/p/CHiYKclgcSA/?utm_medium=copy_link

Le cosiddette jidouhanbaiki, le famose macchinette delle bibite giapponesi, prese ad un angolo in un’atmosfera che appare quella dell’alba. Stanno lì, con la loro luce, ad illuminare le strade, ad attendere i primi passanti che ne usufruiranno – forse nel ritardo della mattina.

 

https://www.instagram.com/p/B2HIBhiABWG/?utm_medium=copy_link

Anche la tradizione è parte di questa quotidianità dai colori alterati, vista da vicino è ciò che fa più luce: lanterne di santuari che dal passato guidano verso il futuro.

 

 

Link utili:

https://tokyoluv.com

https://kitsunetsuki.myportfolio.com

 

 

a cura di Susanna Legnani

 

 


Giappone al Fuorisalone 2021

Anche quest'anno il Fuorisalone dedica ampio spazio al Giappone! Se non in primavera alla fine dell'estate, la creatività a Milano ha trovato spazio nonostante le difficoltà legate alla pandemia. Ecco un elenco di eventi per gli appassionati di design e del Paese del Sol Levante.

Scopri il Giappone durante il Fuorisalone 2021 a Milano

Tillandsia WALL “From Nature to Art creating Wellness” | 7 Settembre 2021

Talk con Paolo Michieli e Roberta Filippini | TENOHA Milano, Via Vigevano 18

Talk dedicato su tutto ciò che occorre sapere sulle Tillandsia, piante desertiche appartenenti alla famiglia delle
Bromeliacee dal grande valore decorativo e con proprietà benefiche, in quanto assorbendo attraverso il loro
apparato fogliare parte dei COV (composti organici volatili) migliorano la qualità dell’aria e dell’ambiente in cui andranno posizionate.

TWO DESIGNERS TALK – CITIZEN FIRST, DESIGNER SECOND | 8 Settembre 2021

con Keiji Takeuchi & Denis Guidone | TENOHA Milano, Via Vigevano 18

Conversazioni e condivisioni attraverso un mix di aneddoti personali e esperienze professionali tra due designer che si sono scambiati i paesi natale. Keiji Takeuchi in Italia e Denis Guidone in Giappone, riflettono sulla vita e sui processi di come sono stati plasmati dalla bellezza, dalle sfide e dall’imprevedibilità del design.
Ad accompagnare i racconti un altro designer, Mohamed Ismail che offre il connubio unico e prezioso tra design, business e le tendenze.

Tadao Amano, Reminiscenze dei sogni di tre artisti giapponesi | 5 - 8 Settembre 2021

Corso Buenos Aires 66, MM Lima o Loreto. Citofono 103 | Fondazione Paolina Brugnatelli

La Fondazione Paolina Brugnatelli, promuove e sponsorizza, numerose iniziative in campo scientifico e artistico. Dal 2010 ad oggi ha premiato numerosi giovani valenti medici ricercatori nonché promettenti artisti.

Ha distribuito premi nel campo oftalmico al fine di favorire l’attività di ricerca e studio, contribuito a viaggi di ricerca all’estero, organizzato mostre didattiche e di divulgazione con la partecipazione di artisti non vedenti, mostre d’arte per promuovere giovani artisti, prodotto edizioni di cataloghi d’arte.
La Fondazione, organizzazione no profit permanente al servizio della società e del suo sviluppo, si propone inoltre di pubblicizzare e divulgare nel modo più ampio possibile l’opera svolta, ai fini di istruzione, studio e condivisione a beneficio della comunità.

UNCONVENTIONAL JAPANESE TEABOWLS (CHAWAN) | 4 - 10 Settembre 2021

Via Forcella 7 (Zona Tortona), 20144 Milano | ESH Gallery

Saranno esposte una serie di tazze ispirate alla cerimonia del tè e realizzate con la tecnica del collage e sumi (inchiostro giapponese) su carta, tecnica e cifra stilistica dell’artista Mauro Bellucci.

In anteprima anche una selezione di EXPRESS AND EXPLORE, la mostra di prossima apertura presso ESH Gallery: un viaggio alla scoperta del vetro giapponese contemporaneo, con le opere di Yoshiaki Kojiro, Runa Kosogawa, Ōki Izumi, Ryo Sekino, Shohei Yokoyama.

Perfect Imperfection | 4 - 10 Settembre 2021

Via Savona 20

Le opere d'arte saranno esposte e vendute presso il punto vendita di Via Tortona N.20, Milano dal 4 al 10 settembre, periodo del Salone del Mobile. Questa sarà la prima mostra ufficiale in Europa per l'artista HARUKA.

Nitto - Search for Light - | 4 - 10 Settembre 2021

Torneria Tortona — via Tortona, 32, Milano | Fuorisalone

Nitto, azienda giapponese produttrice di materiali ad alte prestazioni, presenta "Search for Light",un labirinto magico che offre uno sguardo sul futuro dell'illuminazione. L’ installazione, progettata da Kaoru Mende, architectural lighting designer, consente ai visitatori di scoprire RAYCREA, l'innovativa tecnologia di controllo della luce sviluppata da Nitto, che consente nuove forme di espressione.Catturando luce e colore, RAYCREA apre nuove possibilità nel campo dell'illuminazione di superfici.

"Parasite Palm" | 4 - 10 Settembre 2021

Via Savona 21, Milano | GreenFingers Market

Fuorisalone

Una colonna organica di foglie di palma si manifesta come una crescita parassitaria a Green Fingers Market Milano dove si aggrappa al soffitto e prende vita propria.

HAKONIWA | 4 - 10 Settembre 2021

Green Wise Italy Showroom — Via Palermo 5, Milano, Milano | Fuorisalone

Fuorisalone

Con un’estetica che fonde tradizione giapponese e influenze occidentali, durante la MDW 2021, lo showroom Green Wise Italy si trasforma in giardino. Sentieri di ghiaia e isole di verde per proporre un modello dell’abitare che valorizza la presenza benefica della natura nell’ambiente interior.
Hakoniwa è un termine giapponese che significa “giardino in una scatola” e si riferisce a un oggetto della tradizione nipponica: un diorama vegetale realizzato con terra, pietre e miniature botaniche. Una capsula di paesaggio sempre a portata di mano. Una perla di verde che, per sostituzione, assolve la funzione del cortile zen, luogo di raccoglimento intimo e spirituale.

MONTBOOK | 7 - 10 Settembre 2021

Via Vigevano 18, Milano | TENOHA Milano

Arriva a Milano MONTBOOK, brand di pelletteria giapponese con in mostra i propri articoli di design. Ispirati allo zaino scolastico utilizzato dai bambini giapponesi, questi articoli disegnati da Giulio Iacchetti, dimostrano come ancora una volta Giappone ed Italia abbiano molte più qualità in comune di quanto potessimo immaginare.

SHEER NATURE CRYSTAL – ANGELO MANGIAROTTI | FATTO AD ARTE | 9 Settembre 2021

Via Vigevano 18, Milano | TENOHA Milano

Sheer Nature Crystal by Marta Comini, Raffaella Fossati e Kinue Horikawa è una collezione di oggetti in cristallo disegnati da un grande maestro dell’architettuta italiana: Angelo Mangiarotti, proposti e prodotti oggi da Fatto ad Arte Edizioni. Oggetti-scultura fatti di linee, curve, onde, chiaroscuri vibranti che reinventano la materia cristallo spingendola a nuove e inedite sperimentazioni: disponibili dal 4 settembre in TENOHA shop.

“A Taste of Japan” | 9 Settembre 2021

Via Tortona 37 dalle ore 18:30 | GARDE

Durante la serata si terrà la cerimonia del Premio Milano Salone Award organizzato da Aoyama Design Forum, e si potranno visionare anche le opere del Premio neo laureati organizzato dalla Fondazione e Ordine degli Architetti di Milano e sponsorizzato da Aoyama Design Forum.
Verranno inoltre presentati gli ultimi progetti di Garde nel mondo, espressione dei trend più influenti nel campo dell’Interior Design.

Usva Utu Sumu | Thomas Berra | 9 - 10 Settembre 2021

Via Solferino 48, Milano @ Zazà Ramen | Fuorisalone

Zazà Ramen sake bar & restaurant, in collaborazione con la galleria UNA di Piacenza, è felice di presentare Usva Utu Sumu di Thomas Berra, un grande wall painting dal carattere onirico e evocativo che si sviluppa lungo le pareti della sala da pranzo del ristorante e che accompagnerà i suoi avventori a partire da settembre 2021.

 


Cos’è Yonaguni?

Avete mai sentito parlare di Yonaguni? No? Beh, anche se siete dei grandi appassionati di Giappone potrebbe essere normale che non vi sia mai capitato di imbattervi in questa parola.

Yonaguni è una splendida isola di Okinawa, ma non una qualsiasi: è l’isola più occidentale di Okinawa, come riporta JNTO “l’ultimo luogo in Giappone per ammirare ogni giorno il tramonto del sole. […] E’ la più remota di tutte le isole di Okinawa e la più difficile da raggiungere”. Per accedervi, infatti, vi sono pochi voli, e arrivando in traghetto da altre isole il sentiero potrebbe essere parecchio tortuoso. Insomma: una splendida e misteriosa località per le perfette vacanze estive di chiunque ami sole, mare e anche un po' di avventura.

In questo luogo, oltre alla pace che anima le isole dell’arcipelago, è possibile ammirare rovine sotterranee facendo escursioni, piccoli cavalli liberi per il luogo e – d’inverno – persino squali.

 

Di recente l’isola di Yonaguni ha raggiunto una maggiore popolarità in una maniera decisamente particolare: un famoso cantante portoricano, Bad Bunny, ha intitolato una sua canzone in questo modo, proprio riferendosi a questo ignoto luogo del Giappone.

https://www.youtube.com/watch?v=doLMt10ytHY

Il video coinvolge un insieme di riferimenti al Giappone che – al di là dell’accuratezza con cui vengono presentati – dimostra come le influenze nipponiche si facciano sentire ormai davvero in tutto il globo in differenti forme.

Il video comincia con lo stesso artista seduto in un ristorante giapponese apparentemente tradizionale, di quelli che si trovano nelle strette vie di Osaka. Ci sono riferimenti ad arti marziali, ikebana, videogames… Bad Bunny mostra anche uno studio di tatuaggi in cui si fa incidere sulla gamba la scritta “PokemonGO”, dal famoso gioco che prese piede qualche anno fa.

Il video si conclude con la versione anime di Bad Bunny, triste, che cammina tra alberi di sakura dai petali cadenti: il cantante conclude con alcune frasi in giapponese. Se il tutto può far sorridere alcuni, la sorpresa di ascoltare un cantante di trap/reggaeton latino provare a cantare in giapponese è molta. Lasciando da parte i gusti musicali di ognuno: perché scoraggiare l’interesse verso altre culture, dopotutto?

Il messaggio dell’intera canzone è chiaro: anche se l’artista vorrebbe dimenticare la donna che desidera, se sapesse dove si trova si spingerebbe fino in capo al mondo per raggiungerla. In capo al mondo: proprio sull’isola di Yonaguni.

 

Data la fama che ha travolto ormai da qualche anno Bad Bunny, questa canzone ha letteralmente fatto il giro del mondo, ed è arrivata proprio lì: in Giappone. Sebbene questo genere musicale sia ciò che di più lontano ci sia dai gusti dei giapponesi (probabilmente anche per un fattore linguistico), “Yonaguni” ha colpito in particolare un altro personaggio cui fama lo precede: Takashi Murakami.

L'artista, con un post su instagram ha espresso tutta la sua meraviglia e interesse nei riguardi di questa strana canzone, che prende in considerazione un luogo lontano ed esotico come Yonaguni.

https://www.instagram.com/p/CSa1zS7nQr6/?utm_medium=copy_link

“Ho ascoltato la canzone "Yonaguni" di Bad Bunny @badbunnypr su Spotify. L'anno scorso, il suo "DÁKITI" ha preso d'assalto il mondo, e negli ultimi mesi ho continuato a sentire la frase giapponese "doko ni imasuka" su Spotify, che ha suscitato il mio interesse. Ascoltando attentamente la canzone, ho capito che era quella chiamata "Yonaguni".

In Giappone ci sono molti ascoltatori che sono curiosi di conoscere i testi in giapponese cantati da Bad Bunny. L’argomento è caldo sul web, con blog che spuntano con domande come: "Perché giapponese?" e "Perché Yonaguni?".

Un cantante di Porto Rico canta dell'esotismo dell'isola di Yonaguni nel lontano Giappone, e io, come giapponese, sono commosso dalla meraviglia di ciò. E' un'esperienza molto edificante e 'morbida'.

Sono riuscito a guadagnare fan in tutto il mondo per il mio lavoro che raffina e sublima la cultura giapponese dei manga e degli anime come arte, ma dopo la toccante esperienza dell'ascolto di "Yonaguni", ho voluto incorporare un misterioso stato d'animo di esotismo anche nel mio lavoro.

In questi giorni sono profondamente coinvolto nel mondo della ceramica giapponese, in cui sembra dimenarsi la "storia del Giappone" indigena e sporca. C'è un esotismo in tutto ciò, come se stessi viaggiando attraverso una storia sconosciuta al resto del mondo.

Spero di postare qui, di tanto in tanto, cose di questa natura”.

 

Murakami dichiara di sentirsi meravigliato e toccato dal modo in cui l’esperienza della cultura pop giapponese viene percepita sin dall’altro capo del mondo. Si rende conto, con il suo lavoro negli anni, di aver in qualche modo “innalzato” il mondo di manga e anime allo status di arte. In questo senso, con “Yonaguni” è convinto di dover incorporare nei suoi lavori quello stesso esotismo percepito con quella canzone che tanto l’ha colpito.

Elementi nuovi, un viaggio attraverso esperienze sconosciute, senza abbandonare le proprie origini.

 

 

 

Fonti:

https://www.japan.travel/it/spot/565/

 

 

A cura di Susanna Legnani

 


Tanka - Con erba lunare

Con erba lunare

tingerò la mia veste;

non m’importa se all’alba,

bagnato dalla rugiada,

il colore svanirà.

 

Tsukikusa ni 

koromo wa suramu

asatsuyu ni

nurete no nochi wa

utsuroinu tomo

 

-Anonimo 


Tanka - Che il primo kimono a righe 

Che il primo kimono a righe 

diventi presto

un segno di prosperità!

 

Hatsu awase

nikumarezakari ni

hayaku nare

 

-Kobayashi Issa


Leiko Ikemura in mostra a Milano

Settembre è arrivato e Giappone in Italia ritorna a vivere il Giappone a Milano con una bellissima mostra dedicata a Leiko Ikemura: Prima del tuono, dopo il buio

Leiko Ikemura

Dal 4 settembre al 23 dicembre 2021, BUILDING presenta Prima del tuono, dopo il buio, la prima mostra personale in Italia dell’artista giapponese naturalizzata svizzera Leiko Ikemura, a cura di Frank Boehm. Una meravigliosa esposizione che si estende su diversi piani e offre un'ampia panoramica sull'evoluzione artistica di Ikemura. Con una selezione di 50 opere realizzate fra gli anni '80 e oggi, il progetto presenta anche una scultura in vetro. Infatti, qui troviamo riunite la creatività nipponica con l'abilità minuziosa degli artigiani veneziani.

Chi è Leiko Ikemura?

Classe 1951, Leiko ikemura è una pittrice e scultrice giapponese che ha poi deciso di vivere fra Svizzera e Germania.

Le sue opere hanno un linguaggio visivo complesso e altamente espressivo. Infatti, nei suoi lavori Leiko Ikemura si concentra sulla figura umana e sulla sua posizione all’interno del cosmo. Nonostante i suoi inizi fossero prevalentemente concentrati su un aspetto più figurativo, con la propria evoluzione artistica si sposta poi verso l'astratto.

Uno dei temi ricorrenti delle sue produzioni sono le figure femminili mostrate libere da qualsiasi ambiente spaziale, contestualizzate all’interno di paesaggi eterei, più emotivi che fisici. Questo contribuisce a creare una pittura senza tempo, espressione di una personale rappresentazione della condizione esistenziale contemporanea.

L’universo espressivo di Leiko Ikemura spazia dal disegno all'acquerello, dalla pittura alla fotografia, fino alla scultura, realizzata in ceramica, terracotta, bronzo e, più recentemente, in vetro. La mostra creata da BUILDING si sviluppa secondo gruppi tematici che raccontano il vocabolario visuale dell'artista. Infatti passiamo dai disegni a carboncino di grande formato degli anni '80, in mostra qui per la prima volta, sino ad arrivare alle tonalità più calde dei lavori attuali.

Prima del tuono, dopo il buio

La mostra prende il titolo dai quadri presenti già al piano terra: Before Thunder (2014-17) e After Dark (2014-17), due dipinti di grandi dimensioni. L'accostamento dei titoli è volto a suggerire quella condizione di trasformazione e costante divenire spesso presente nell’opera dell’artista. Nel silenzio di un'atmosfera livida e rarefatta, i contorni sfocati delle figure in primo piano sembrano fondersi con il paesaggio circostante, irradiando una spiritualità soffusa.

Tuttavia, questa mostra è unica nel suo genere per le opere esposte eccezionalmente a BUILDING per la prima volta dopo trent'anni, come per esempio Ohne Titel, realizzato nel 1983 in occasione del soggiorno a Norimberga.

Leiko IkemuraLeiko Ikemura 

Fra bronzi e terrecotte che ritraggono il tema ricorrente della figura femminile sdraiata, Leiko Ikemura racconta tutta la complessità e la fragilità interiore dell’universo femminile. Ai piani superiori dove il percorso espositivo continua con le opere appartenenti alla produzione più recente. Infatti, dal terzo piano a salire il un punto di vista privilegiato è sugli aspetti più astratti del lavoro di Ikemura. Qui, in Bit of Blue (2019), CRN Act (2020) e Moon Shine (2020) la narrazione lascia spazio a un linguaggio che privilegia l’intensità cromatica e un lirismo pacato, come la luce tenue delle sue atmosfere cosmiche.

Leiko Ikemura

Di particolare rilievo all’interno del progetto espositivo è la presenza di una scultura in vetro, creata appositamente per la mostra e nata dalla collaborazione tra BUILDING e la vetreria artistica Berengo Studio di Venezia, avviata in occasione del ciclo Dalla sabbia.

Giappone in Italia è fiero di potervi invitare a questa meravigliosa mostra. Un'occasione più unica che rara per scoprire e immergersi in nuovi aspetti dell'arte giapponese. Osservare le opere di Leiko Ikemura è un’esperienza intima, che trasmette un crescente desiderio inappagato di completezza.

Informazioni

Leiko Ikemura - Prima del tuono, dopo il buio
a cura di Frank Boehm

Quando: dal 4 settembre 2021 al 23 dicembre 2021
Orari di apertura: 10:00 - 19:00
Aperture Straordinarie: domenica 5 e lunedì 6 settembre 2021, 10:00 - 19:00
Dove: BUILDING, via Monte di Pietà 23, Milano mar - sab, 10 – 19
Contatti: +39 02 89094995 | info@building-gallery.com


Tanka - Lungo la via celeste, ove s’incrociano

Lungo la via celeste, ove s’incrociano

l’estate che va

e l’autunno che viene,

solo da una parte, penso,

soffia il fresco vento.

 

Natsu to aki to

yukikau sora no

kayoiji wa

katae suzushiki

kaze ya fukuramu

 

-Oushikoushi no Mitsune


Haiku - Sulla porta d’erba 

Sulla porta d’erba 

mangio ortiche,

come le lucciole.

 

kusa no to ni

ware wa tade kuu

hotaru kana

 

-Takarai Kikaku


Piza toast

piza toast

Il piza toast è Shokupan (un pane giapponese a casetta) tostato mettendo la salsa di pomodoro e ingredienti semplici sul pane come sulla pizza. Il piatto è ispirato alla pizza in stile americano ed è nato in Giappone. È nato come sostituito della pizza, ed è diventato un piatto standard dei Kissaten (caffetterie giapponesi). In Giappone è un piatto popolare per la colazione e gli spuntini perché è una ricetta che si può preparare facilmente, anche in casa. In giapponese pizza si pronuncia “piza”, ma la pizza e il piza toast sono due piatti differenti, per questo si sta utilizzando il nome “piza toast”.

 

La storia della nascita del piza toast

Il piza toast è nato nella storica Kissaten (caffetteria) “Kōhīkan Benishika”, fondata nel 1957, che ancora oggi sembra nostalgicamente una caffetteria tipica del periodo Showa. Intorno al 1964, quando la pizza era ancora un piatto caro, le caffetterie avevano nel menù solo caffè, tè, tramezzini e torte. Il marito e la moglie proprietari del “Kōhīkan Benishika” desideravano ampliare il menu, che aveva solo tramezzini e toast al burro, dunque hanno ideato un toast economico che ricordava la pizza, piatto invece più caro ma che piaceva molto. L’idea geniale era di usare il normale Shokupan che cucinavano in caffetteria al posto dell’impasto della pizza che andava preparato apposta. Hanno immaginato un pane con formaggio sciolto e perciò, dopo tentativi ed errori, sono finalmente arrivati ad una ricetta con forma e gusto come li avevano immaginati. All’inizio alcune persone criticarono la ricetta perchè “Non è una pizza!” ma, nel frattempo, il numero dei fan è gradualmente aumentato e la ricetta è famosa ancora oggi dopo più di 50 anni.

 

Gli ingredienti 

Gli ingredienti da mettere sullo Shokupan variano a seconda del gusto delle persone, come in una vera pizza. In genere su una salsa di pomodoro vengono messi carne, come salame e prosciutto, verdure, come mais, peperoni a fette, cipolle a fette e funghi, e formaggi. Il vantaggio del piza toast è che è facile da realizzare e si può anche improvvisare utilizzando gli ingredienti che si trovano nel frigorifero di casa. Si può anche sostituire la salsa di pomodoro con il ketchup. Inoltre i piza toast vengono spesso venduti nei supermercati già confezionati e pronti, bisogna solo scaldarli in forno. Il piza toast può essere fatto facilmente anche in Italia ma, se andate in Giappone, provatelo in una Kissaten!

 

Fonti :

https://camelia.co.jp/magazine/book/294

https://news.nissyoku.co.jp/restaurant/tanakak20091207021013650